Mariano Fortuny i Marsal

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Mariano Fortuny i Marsal.
Per maggiori informazioni clicca qui

Mariano-Fortuny-i-Marsal-quadroMarià Fortuny i Marsal, noto in Italia semplicemente come Mariano Fortuny, fu un pittore spagnolo di grandissima fama, fra i più grandi della sua generazione, e probabilmente il più importante del movimento del Romanticismo nel paese iberico.

Nato l’11 giugno 1838, a Reus, da una famiglia di umili origini, da giovanissimo, rimasto orfano, venne affidato alle cure del nonno, un ebanista che gli insegnò alcune nozioni artistiche ed i primi rudimenti dell’arte in generale, e che subito era stato in grado di riconoscere nel nipote una propensione per le belle arti fuori dal comune.

Nel 1852 i due si trasferirono a Barcellona, dove, grazie allo scultore Demènec Talarn, l’artista ottenne una borsa di studio che gli permise di frequentare l’Accademia di Belle Arti di Barcellona, dove studiò, tra l’altro, sotto l’ala di grandi artisti come Claudio Lorenzale e Pau Milà i Fontanals.

Nel 1858, una nuova borsa di studio, vinta l’anno prima grazie al suo grande talento, gli permise di recarsi in Italia, a Roma, dove completò i suoi studi all’Accademia, circondato dall’arte, dai capolavori e dai dipinti antichi dei più grandi pittori italiani del passato. Qui, peraltro, conobbe Attilio Simonetti, suo grandissimo amico, nonché allievo e fervo sostenitore, col quale intraprese anche alcuni viaggi a Napoli, alla scoperta della pittura partenopea.

Nel 1859, allo scoppio della guerra ispano-marocchina, venne incaricato dal governo spagnolo di recarsi sul posto, in modo da descrivere le campagne di guerra e le scene di battaglia nei suoi dipinti antichi  tra i quali figura il famoso La battaglia di Tetuan. Qui, in Marocco, assorbì alcuni temi esotici ed orientali, che sovente utilizzò in alcune sue opere.

Viaggiò quindi a Parigi, dove sposò Cecilia de Mandrazo, dalla quale ebbe un figlio, Mariano Fortuny i de Mandrazo, che diventerà anch’egli un noto artista.

Morì durante un soggiorno a Roma, il 21 novembre 1874, per via della malaria, a soli 36 anni.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio