Ayres Pietro

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Ayres Pietro.
Per maggiori informazioni clicca qui

ayres-pietro-telaAyres Pietro fu un eccellente ritrattista italiano, divenuto famoso per esser stato uno dei pittori prediletti dai reali russi ed italiani; i suoi dipinti antichi infatti furono celebri non solo in patria ma anche all’estero. Ayres fu molto noto alla corte imperiale russa, in Polonia e fu un illustre pittore alla corte di Carlo Alberto, nonché insegnante d’arte.

Ayres Pietro: nascita ed ascesa di un’artista

Ayres Pietro nacque a Savigliano (Cuneo) nel 1794. Nonostante la tecnica, la maestria e l’elegante tratto suggeriscano uno studio approfondito in particolari accademie, l’Ayres fu autodidatta.

Iniziò a dipingere molto giovane e la fama arrivò in poco tempo: i suoi dipinti antichi furono subito notati dallo zar Alessandro I di Russia, nel 1812, quando il giovane artista prese parte alla campagna napoleonica in Russia. Successivamente entrò a far parte della corte imperiale francese, come ritrattista.

Nel 1815 lasciò tutto per dirigersi verso la Polonia, dove ricette un importante incarico dal conte Stanislao Kostka Potocki: decorare il Palazzo di Wilanow (Varsavia) con opere raffiguranti paesaggi e scene mitologiche.

Nel 1822 potè finalmente studiare presso  l’Accademia Albertina di Torino sotto la guida di G. B. Biscarra.

Il debutto italiano e la fama dei dipinti di Ayers

Il vero debutto italiano avvenne nel 1829, a Torino, con l’esposizione del quadro ritraente la Famiglia Ferrero della Marmora. Lo stesso anno Ayres decise di soggiornare a Roma dove sicuramente fu in contatto con vari movimenti artistici, fra cui il Romanticismo.

Il 1833 fu un anno particolarmente importante per Ayres, che fu invitato a partecipare con Palagi alla decorazione delle residenze dei sabaudi, fra cui Palazzo Reale, in cui spiccano diversi affreschi a tema mitologico ed alcuni ritratti per la Galleria del Daniele. Da questo momento in poi Ayres decise di dedicarsi interamente ai ritratti divenendo uno degli artisti più ricercati fra la nobiltà piemontese. Ricordiamo di questo periodo il dipintoEnrichetta e Annibale Galateri di Genola”.

Carlo Alberto lo volle come pittore di corte ma non solo come ritrattista, su sua commissione difatti Ayres lavorò a diversi quadri con soggetti sacri fra cui: “Sant’Anna, il Padreterno e le anime purganti”,“San Filiberto in orazione”, “Sant’Anna, la Vergine e S. Gioacchino” e la “Sacra Famiglia con il Padreterno”. Nel 1835 lavorò al sipario raffigurante il Parnaso per il teatro civico della città e nel 1842 iniziò la sua carriera d’insegnante presso l’Accademia Albertina.

Si spense a Torino nel 1878.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio