Arienti Carlo

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Arienti Carlo.
Per maggiori informazioni clicca qui

arienti_carlo-telaCarlo Arienti fu un pittore italiano, noto per i suoi dipinti antichi di straordinaria bellezza, armoniosità e delicatezza.

Nacque ad Arcore nel 1801 e trascorse gran parte dell’infanzia a Mantova, dove suo padre fu direttore botanico dei giardini cittadini. L’Arienti sin da giovane iniziò a mostrare un certo interesse per la pittura ed in particolare per le tele del Mantegna e del Romano.

L’approccio iniziale dell’Arienti con la pittura fu da autodidatta poi, durante gli anni della formazione, studiò presso il Sabatelli, con il quale strinse un legame fraterno, a Milano dove si trasferì alla morte del padre, quindi si diresse a Roma (1824 -1829) per tornare infine a Milano nel 1831.

Il debutto dei dipinti dell’Arienti.

In seguito al ritorno a casa, a Milano, Arienti debuttò con un ritratto del Bellini, a cui seguirono numerose opere storiche, la vera passione di quest’artista. Fra le prime commissioni importanti ricordiamo anche: Maddalena penitente, esposta nel 1829 a Brera, dipinta per la contessa Giulia Samoyloff.

Uno dei lavori più importanti fu la sostituzione del Sabatelli ai lavori per la realizzazione della cattedrale di Brera. Nel 1823 tenne una mostra con alcuni dei suoi dipinti antichi più famosi: Temistocle che chiede ospitalità e Oreste che si palesa alla sorella Elettra.

Dopo il debutto nel mondo artistico, l’Arienti decise di dedicarsi all’insegnamento della pittura a Torino all’Accademia Albertina (1843-1854). Successivamente insegnò anche a Bologna, all’Accademia, nel 1859 ed a Brera.

Contemporaneamente continuò ligio a dedicarsi all’arte ricevendo commissioni per quadri religiosi, ritratti e soggetti storici.  Ricordiamo alcuni importanti dipinti quali: La morte di Barnabò Visconti, Ildegarda al verone, Beatrice di Tenda, Orombello, Ettore Fieramosca che si assente da Ginevra, Morte di Giovanni Maria Visconti, Il conte Alfonso Porro Schiaffinati in abito da cacciatore, Episodio del Diluvio Universale, La congiura dei Pazzi e Citennestra.

Arienti morì presso Bologna il 21 luglio 1873.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio