Dipinti Ad Olio

dipinto ad olioI dipinti ad olio risalgono alla prima metà del XII secolo ad opera di pittori fiamminghi e si sono diffusi in Italia negli anni sessanta e settanta del XV secolo anche se sembra che i dipinti ad olio esistessero già nel medioevo e vennero abbandonati perché non si asciugavano facilmente.

Antonello da Messina fu il precursore in Italia. Napoletano di nascita entrò nel giro di artisti catalani e fiamminghi e ne apprese la tecnica. Altri lo seguirono. Uno di questi è Piero della Francesca che fu tra le personalità più emblematiche del Rinascimento italiano e un altro noto anche con il nome Giambellino. Fu Giovanni Bellini che seppe accogliere questa tecnica, rinnovandosi continuamente, valorizzarla e farne un suo punto di forza.

Nel XVI secolo i dipinti ad olio conobbero la tela che ancora oggi è largamente diffusa tra gli artisti. Non più il legno visto che questo sistema garantiva una facilità di trasportare delle opere. L’olio è un legante eccezionale, garantisce una lunga durata perché è resistente nel tempo. Oltre che a regalare sfumature e effetti incredibili, per questi motivi, sopravvive ancora oggi.

I dipinti ad olio danno la possibilità di ritocchi anche con spatola e dita e tra i pittori più famosi e conosciuti ci sono anche Leonardo da Vinci e Van Gogh che hanno usato questa tecnica per creare intensità diverse e un effetto più pastoso e per creare lo sfumato e addirittura rilievi. Ancora oggi la tecnica dei dipinti ad olio sopravvive per la sua duttilità, perché per quanto lenta e laboriosa dona ad un quadro un aspetto più intenso e vivace. Si possono creare superfici perfettamente levigate o al contrario, ruvide e increspate, creando sempre un’incredibile emozione a chi guarda. I dipinti ad olio creano in chi guarda un insieme di emozioni, manda messaggi sentimentali, si percepisce guardando un quadro il dialogo che c’è stato tra il pittore e il dipinto, è una tecnica pittorica che trasmette un’arte pressoché totale, trasmette la voce dei colori che in un contesto paesaggistico danno perfino gioia. Il linguaggio della pittura è universale e non c’è bisogno di essere un amante dell’arte per rendersi conto della bellezza di un quadro ad olio, una delle tecniche più popolari nella pittura, che molti artisti consacrati hanno usato.

 

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio